Più che sui sondaggi, che danno il suo partito Unidas Podemos sotto lo sbarramento del 5%, Pablo Iglesias deve aver puntato su un nuovo corso per sé, dimettendosi dalla vicepresidente del governo e da leader del partito per candidarsi alle primarie per le elezioni del 4 maggio della regione di Madrid. Una notizia bomba per […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Il “fattore Kretschmann”. Un verde sempre di moda

prev
Articolo Successivo

“Io, biologa e ‘cosplayer’, ora combatto uno stalker”

next