Sono arrivate in Vaticano le carte bancarie svizzere sull’affare del palazzo londinese di Sloane Avenue. Le avevano chieste per rogatoria alla Confederazione elvetica, a fine 2019, le autorità giudiziarie vaticane che stanno indagando sulle operazioni immobiliari del finanziere Raffaele Mincione. È colui che “ha maggiormente beneficiato” dell’affare del palazzo di Londra, che ha causato un […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Cosche e Vaticano: 15 milioni della sanità per i “mafia bond”

prev
Articolo Successivo

“L’Ue paghi i danni”. La sentenza riscrive i crac di Etruria&C.

next