Gli interrogatori di Piero Amara a Perugia – in buona parte coperti da omissis – sembrano l’inizio di un gran ballo al quale sarà invitata una fetta di magistratura italiana. L’ex legale esterno dell’Eni, che ha corrotto più di un magistrato tra Roma e Siracusa, e per questo è indagato e a Messina ha già […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

“Il governo è incompetente: qui si convive con la morte”

prev
Articolo Successivo

I due inventori della modernità

next