A Goma c’è il lago, ci sono le milizie, c’è il coltan che ognuno di noi porta con sé nei propri cellulari, ci sono i gorilla silverback del parco Virunga, ci sono i vulcani, ci sono i signori della guerra e c’è, quotidiana, la morte. La morte portata dai guerriglieri che combattono da decenni senza […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Senza la scorta nel regno dei ribelli: assassinato l’ambasciatore Attanasio

prev
Articolo Successivo

La missionaria Caffi: “Lo amavamo, è morto per venire a trovarci”

next