Magari il battito d’ali di una farfalla in Asia non provocherà un uragano in Sudamerica, ma i porti intasati in quel continente possono di certo farsi sentire anche in una piccola officina ciclistica di Lorenteggio, Milano: molti pezzi (cambio, freni, eccetera) vengono prodotti esclusivamente in Cina e, tra i ritardi di produzione accumulati durante i […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

La lotta di classe nella logistica alle prese col sistema Amazon

prev
Articolo Successivo

Gamestop: il “canarino”

next