Una giornata di fuoco, in bilico tra tragedia e farsa ieri al Consiglio regionale della Lombardia, tra consiglieri inginocchiati per implorare trasparenza sui dati (Michele Uselli, +E); presidenti che a stento trattengono la rabbia per gli attacchi alla “dignità dei lombardi” (Fontana); opposizioni che se ne vanno tra le proteste (tutte, tranne la renziana Patrizia […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Gallera ora se la gode sulla neve: “Ero io la luce in fondo al tunnel”

prev
Articolo Successivo

Un enigma funziona se non è troppo banale né elaborato

next