Incredulità e sdegno nel Salento per U latitanti il brano della cantante calabrese Teresa Merante che inneggia alla mafia sulle note de Lu rusciu de lu mare, il canto popolare diventato uno dei simboli della Taranta e della pizzica. Rabbia generata principalmente dal contenuto del testo: “Fuggite giovanotti, questa è la polizia! Sparate a tutta […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Regeni, Mattarella: “L’Egitto dia risposte”. Il 29 aprile l’udienza per gli 007 del Cairo

prev
Articolo Successivo

Xenofobi dentro la rivolta. Olanda, la regìa di Pegida

next