Il confine tra ciò che è lecito e ciò che non lo è nell’utilizzo dei dati “digitali” dei cittadini ogni giorno sembra spostarsi un po’ più in là, adeguandosi a una certa relatività nell’applicazione dei concetti di giusto e sbagliato a seconda di chi, come e dove si compia il fatto. Nei giorni scorsi il […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Il popolo di Navalny sfida zar Putin

prev
Articolo Successivo

Telestalking, la legge è ferma da tre anni

next