C’è un fascicolo sulla scrivania del procuratore di Reggio Calabria, Giovanni Bombardieri, e dell’aggiunto, Giuseppe Lombardo. Un’inchiesta in realtà già iniziata, ma che adesso, con la trasmissione di alcuni atti da parte della Corte d’Assise, potrebbe subire un’accelerazione. L’obiettivo della Procura è di “fare completa chiarezza su avvenimenti che hanno segnato, e continuano tuttora a […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Caso Imane Fadil, indagati 12 medici dell’Humanitas

prev
Articolo Successivo

Cecilia Mangini, donna di lotta, di foto e di cinema

next