In 256 pagine viene descritto uno scenario da “notte della Repubblica”. Una “notte” durata le 60 ore intercorse tra la perquisizione avvenuta nel maggio 2013, nell’abitazione romana di Muhtar Ablyazov (arrestato in Francia tre mesi fa) e l’espulsione, o meglio il “sequestro” e la “deportazione”, secondo la sentenza, di sua moglie Alma Shalabyeva. Per il […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Caso Palamara, toghe nei guai: Csm indaga su 100 chat

prev
Articolo Successivo

Eni, la tangente in Nigeria. I pm: ecco perché colpevoli

next