Aquel punto il professor Maurizio Ambrosini, autorevole studioso delle migrazioni, chiese di vedere la carta di identità. In quel primo mattino il professore stava svolgendo il ruolo di presidente di una commissione di laurea all’Università degli Studi di Milano. Davanti a lui si era presentata una laureanda, occhiali e lunghi capelli castani, emozionata ma impaziente […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

“Caro Luca Zaia, altro che modello Veneto. Qui gli ospedali sono focolai del coronavirus”

prev
Articolo Successivo

Simulazioni Serie A, il paradiso dei tuffatori. Lo strano caso di Gasp e Federico Chiesa

next