Cinque condanne e sei assoluzioni per l’incidente mortale che il 28 febbraio 2013 all’Ilva di Taranto costò la vita a Ciro Moccia, operaio addetto alla manutenzione meccanica, e nel quale rimase ferito – ma solo perché il suo corpo precipitò su quello del povero Moccia – Antonio Liddi, lavoratore della ditta esterna Emmerre, impegnata nei […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Abusi, chiesta l’archiviazione per don Bucci: “Ci sono le prove”. Ma il reato è prescritto

prev
Articolo Successivo

Investì due 16enni, condanna a 8 anni per Genovese

next