“La curva rallenta, ma non con la velocità che era auspicabile”. In queste parole dell’infettivologo Massimo Galli, primario del reparto Malattie infettive dell’ospedale Sacco di Milano, ci sono tutti gli interrogativi di questi giorni. Perché se è vero che continua a scendere il tasso di positività (ed è una buona notizia), l’indice Rt è tornato […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Bellanova, l’orgoglio bracciante a sproposito

prev
Articolo Successivo

Il lockdown a metà. Verso la zona rossa per “soli” otto giorni

next