Quando lo scorso 25 ottobre si è chiusa la 103esima edizione del Giro d’Italia, stravolta dal Covid, sul podio non c’era nessun italiano. E nemmeno fra i primi cinque. Non era mai successo nella storia. Il migliore è stato il “vecchio” Vincenzo Nibali, appesantito dagli anni sul groppone (quasi 36), settimo in classifica. Col suo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

La cura di Mieli. Dimenticare il passato è meglio che ricordare tutto. Ma l’oblio non nega la Storia?

prev
Articolo Successivo

L’oroscopo per il 2021? Pace, amore, ecologia

next