Lo scontro sui ritardi di Open Fiber per i lavori di cablaggio della rete in fibra nelle aree a fallimento di mercato sta raggiungendo vette surreali, con accuse pesanti. Ieri la società (50% a testa Cdp ed Enel) ha reagito duramente alla notizia di una lettera spedita da Infratel, la concessionaria pubblica della rete che […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Dibba contro Crimi: “In Puglia col Pd, sei come Forlani”

prev
Articolo Successivo

Strage Bologna, al processo sui mandanti torna in aula pure l’ex primula nera Bellini

next