Brutti, sporchi e cattivi. Se non sono così i direttori della Central Intelligence Agency (Cia) negli Stati Uniti non li prendono sul serio. E neanche il presidente appena eletto, Joe Biden, pare fare eccezione. Dopo Avril Haines a capo dell’Intelligence, infatti, il democratico sta affrontando in queste ore la decisione sul nome a cui affidare […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Iran, l’arma nucleare resta orfana: il “papà” era nella lista nera

prev
Articolo Successivo

Tigray, i disperati di Mekelle

next