Ogni volta che litigava con l’ex moglie finiva per strattonarla e scuoterla, con violenza. Poi si pentiva e porgeva scuse, bagnate di lacrime. Luigi (nome di fantasia) alla fine s’è arreso al diktat di lei: “Devi curarti, se no ti lascio”. Era il 2016: entrando nel centro d’ascolto per uomini maltrattanti, Luigi non avrebbe mai […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Arrivano i fondi, la Serie A prova a far cassa

prev
Articolo Successivo

L’espansione ha bisogno di una valuta forte: le mosse turche per risollevare l’economia

next