Quanto può essere crudele il destino di una persona a cui viene chiesto – nel giro di pochi anni – di amministrare prima Roma e poi la sanità in Calabria? Francesco Paolo Tronca lo racconterà ai nipoti: il commissario calabrese potrebbe essere proprio lui. D’altra parte, dove c’è un disastro dello Stato c’è il prefetto […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 13,99€ / mese per il primo anno
( successivamente 14,99€/mese )

Articolo Precedente

Tutti contro la Rai che caccia Morra (già in sala trucco)

prev
Articolo Successivo

I paradisi fiscali sottraggono all’Italia 12 miliardi all’anno

next