Per accreditarsi a guidare l’atteso, ma non imminente, governo ad interim incaricato di portare alle elezioni la Libia il 24 dicembre del 2021, il ministro degli Interni Fathi Bashagha non poteva non recarsi in Francia. Nonostante Parigi abbia sostenuto neanche troppo segretamente il generale Khalifa Haftar, uomo forte della Cirenaica, rivale del Governo di Accordo […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 13,99€ / mese per il primo anno
( successivamente 14,99€/mese )

Articolo Precedente

Grosso guaio in Al Qaeda: il terrore è senza un regista

prev
Articolo Successivo

Il piscio di Socrate, l’ambrosia degli dèi e i flauti proprio lì

next