Da nord a sud per lavorare: l’effetto pandemia ha in molti casi invertito il flusso degli spostamenti come tradizionalmente conosciuto. Secondo una indagine realizzata da Datamining per conto della Svimez, l’Associazione per lo sviluppo dell’industria nel Mezzogiorno, il cosiddetto “South Working” vede 45mila addetti che da marzo sono in smart working dal Sud per le […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Mafia, colpo alla Società foggiana: 40 arresti De Raho: “Ora è il primo nemico dello Stato”

prev
Articolo Successivo

Nuovo incarico per la vigilessa di Renzi: sarà il consigliere giuridico della Bellanova

next