Sono tre le “batterie” mafiose colpite dall’ultima maxi operazione contro la “Società foggiana”, la federazione criminale che governa il nord della Puglia. Sono 38 le persone finite in carcere e una ai domiciliari, tutte ritenute affiliate o vicine ai clan Sinesi-Francavilla, Moretti-Pellegrino-Lanza e Trisciuoglio-Tolonese-Prencipe, protagonisti della guerra criminale che terrorizza il territorio dauno. L’inchiesta condotta […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Approvata un’arma terapeutica

prev
Articolo Successivo

Svimez: per il Nord lavorano i 100mila tornati al Sud

next