Non si tratta di una sentenza, ma di una semplice proposta di conciliazione, eppure rischia di avere un esito clamoroso. Se sarà accettata, per chiudere la causa, la multinazionale Glovo dovrà assumere per la prima volta nella sua storia un rider con rapporto di lavoro subordinato, a tempo pieno e con il contratto nazionale della […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Padre Luca, fratello del sindaco di Genova, indagato per violenza sessuale su minore

prev
Articolo Successivo

Le sevizie nei lager di Kim. “Non detenuti, ma animali”

next