Da tempo, con una cadenza di circa sei, sette volte all’anno, mi capita di ricevere gruppi di lettori che, previo accordo, desiderano visitare i luoghi, reali, dove vivono, agiscono, parlano, combinando anche minchiate, i miei irreali personaggi. Li ricevo sul piazzale della stazione, comodo per chi giunge in treno, bus o con la propria auto, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

I cavalli nella vasca e lo scotch dei nazisti secondo Mel Brooks

prev
Articolo Successivo

“Ho rischiato la carriera per colpa di Fantastico e delle donne-lombrico”

next