Sono state archiviate le accuse di concussione e corruzione a carico del procuratore reggente di Avellino Vincenzo D’Onofrio. Lo ha deciso il Gip di Roma su richiesta della Procura capitolina, competente per i magistrati di Napoli. D’Onofrio, difeso dall’avvocato Mario Terracciano, era finito nelle maglie delle dichiarazioni di alcuni testimoni e coindagati di un’inchiesta dei […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Juve-Napoli 3-0. Agli azzurri anche un punto in meno

prev
Articolo Successivo

Sequestro Shalabayeva, tutti condannati: 5 anni ai superpoliziotti Cortese e Improta

next