I processi su Mps domani approderanno a un passaggio chiave. Dopo un’istruttoria durata oltre due anni, a Milano si terrà l’ultima udienza e arriverà la sentenza di primo grado nei confronti di Alessandro Profumo, ex presidente dal 2012 al 2015, e Fabrizio Viola, ex amministratore delegato dal 2012 al 2016, per le accuse di false […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Padoan, l’uomo che salvò Mps va in Unicredit (a trattare Mps)

prev
Articolo Successivo

Confindustria Bonomi, l’avversione epidermica alla questione sociale

next