La massoneria trapanese ebbe un ruolo nelle trattative Stato-mafia a cavallo delle stragi del 1992 e 1993 ovviamente sotto l’ala di Matteo Messina Denaro, oggi 53 anni e latitante proprio dal ’93. È il convincimento della Procura di Caltanissetta anche conseguentemente alle parole di Paolo Bellini, “pentito” con un passato nell’estrema destra di Avanguardia nazionale, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Film Commission, confermato l’avvocato che ignorò le anomalie

prev
Articolo Successivo

“La guerra non conviene, ha i giornali”

next