“Non è che uno va a rubare la mattina che all’improvviso io ti posso chiudere”. Non è semplice saldare un prestito, e lo sa bene Claudio D’Alessio (non indagato), figlio del cantante Gigi, che deve restituire 30 mila euro (con “tassi usurai”) al clan mafioso dei Moccia. “Claudio tutte queste belle chiacchiere, io non sono […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 13,99€ / mese per il primo anno
( successivamente 14,99€/mese )

Articolo Precedente

Popolare Bari, nuovo arresto per Jacobini jr

prev
Articolo Successivo

Prof in malattia alla Camera per un incarico. La sua difesa: “Mio malessere è Università”

next