In segreto e in punta di piedi nel Palazzo dell’Indipendenza di Minsk. Si è svolto così ieri l’insediamento alla presidenza più sommesso dell’intera carriera di Aleksandr Lukashenko, al potere dal 1994. Giunto al suo sesto mandato tra accuse di frode elettorale e violazione dei diritti umani, il presidente ha dichiarato ieri “di proteggere la libertà […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 13,99€ / mese per il primo anno
( successivamente 14,99€/mese )

Articolo Precedente

“Zero pace coi lupi solitari. Kabul, il diktat di Usa & C.

prev
Articolo Successivo

Dal Recovery fund più potere ai giovani

next