Paghe a cottimo, zero tutele per ferie o maternità e “licenziamento” libero con 30 giorni di preavviso. Ecco il primo contratto collettivo per i rider del cibo a domicilio, firmato martedì sera dall’Assodelivery – associazione che riunisce Glovo, Deliveroo, Just Eat e Uber Eats – con un solo sindacato: l’Ugl. La sigla a giugno si […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Fiamme devastano il porto, l’ipotesi del corto circuito

prev
Articolo Successivo

Le banche chiedono aiuto, ma per Visco non c’è problema: arriva il “bail-in 2”

next