Giorgio Airaudo è ritornato ieri dopo sette anni alla guida della Fiom Piemonte. A cavallo degli anni Duemila è stato protagonista delle vertenze simboliche con la Fiat di Sergio Marchionne, alternando accordi e conflitti. Ritorna nel sindacato delle tute blu nella fase più difficile, quella della fusione tra Fiat Chrysler e Psa (Peugeot). E le […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

B. ha imparato la lezione Briatore&C. no

prev
Articolo Successivo

C’è posta per te: meglio la birra o le donne? Perché non fai il medico?

next