L'intervista

La psicoterapeuta Sofia Bignamini: “Concediamoci anche la libertà di essere fragili”

Il mito delle bambine "ribelli a tutti i costi" rischia di mettere a tacere la predisposizione femminile alla cura dei legami, all'ascolto e alla manifestazione delle emozioni, alla capacità di sognare. Le nuove generazioni crescono con l’illusione di poter avere tutto sotto controllo e faticano a scendere a patti con i propri limiti e imperfezioni.

2 Settembre 2020

L’esaltazione delle “bambine ribelli”? Rischia di non aiutare le nostre figlie. Così come una certa furia nel combattere lo stereotipo della donna fragile e dipendente può spingere le giovani donne a rinnegare i propri bisogni affettivi. A dirlo, in un libro acuto che infrange all’aria numerosi stereotipi – Quando nasce una donna. Come crescono le […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.