Leonardo da Vinci è “a porto Cesenatiche al dì di 6 settembre 1502 a ore 15”. Lo annota lui stesso nel suo prezioso taccuino di lavoro che formerà il Codice Leonardesco, disegnando il porto canale romagnolo del ‘300 con le varie sezioni misurate a “braccia”. È in missione per Cesare Borgia, e riproduce con straordinaria […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Spiriti mafiosi. Tutt’altro che “meridionale”, la storia di un potere antico quanto il mondo

prev
Articolo Successivo

Politica o letteratura? “Petrolio” rinnova l’enigma

next