Né di lotta né di governo. Il virus rende folli (se non siamo capaci di una terza visione)

17 Agosto 2020

In una scena teatrale il virus sarebbe uno spacca-tutto che prima schiaffeggia e umilia chi non lo prende sul serio, chi lo sbeffeggia parlando di gregge destinato a sottomettersi come destino naturale, e poi si dedica ai tanti che ancora non sanno ma, se sopravvivono, racconteranno la brutta avventura. E infatti il virus, che resti […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Ti potrebbero interessare

I commenti a questo articolo sono attualmente chiusi.