Lo scacchiere delle nomine nelle Authority si completa – dopo mesi di proroghe, rinvii e spartizioni – nel segno di Giuseppe Conte e Luigi Di Maio. Il primo nome partorito dal Consiglio dei ministri di venerdì è stato quello di Giuseppe Busia alla guida dell’Anac, l’Autorità nazionale anticorruzione. L’attuale segretario generale del Garante della privacy […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Il “Corsera” e le lacrime amare del Papeete

prev
Articolo Successivo

Pur di dare il seggio a Lotito Forza Italia va contro se stessa

next