Forche con i capestri penzolanti sulle macerie e fotografie dei leader politici, compreso il presidente Michel Aoun, date alle fiamme sono l’immagine plastica della collera degli abitanti di Beirut e di tutto il Libano. A quattro giorni dalla devastante esplosione che ha raso al suolo metà della Capitale, la conta dei morti ha superato 160, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

A Malpensa torna in pista il partito del cemento: il piano per l’espansione

prev
Articolo Successivo

Atomiche, kamikaze e missili: esplodono anche le fake news

next