Tra i monti della Val Seriana, nel Bergamasco, c’è stata una fase in cui nella gestione delle salme dei defunti tutto procedeva come se nulla stesse succedendo, come se l’epidemia non stesse avanzando proprio qui, prima ancora di travolgere il resto della provincia lombarda. Per oltre due settimane, tra la fine di febbraio e la […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Alzano, 5 mesi dopo chi c’era (e non c’è più)

prev
Articolo Successivo

Dopo il lockdown, il condominio di mia zia ha bisogno di regole

next