Partiamo da un punto fermo: senza l’Associazione fra i familiari delle vittime, costituita nel giugno 1981, certi risultati non sarebbero mai stati raggiunti. Dieci mesi dopo il 2 agosto 1980 – quando alle 10.25 esplose una bomba nella sala d’aspetto di seconda classe facendo crollare un’ala della Stazione Centrale di Bologna – alcuni parenti delle […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Houston, lo strano rogo al consolato del Dragone

prev
Articolo Successivo

La psicosetta e il solito “al lupo al lupo” dei giornali orripilati

next