Il successo di un programma di politica economica per lo sviluppo presuppone obiettivi definiti e strumenti appropriati. Nel 1954 il Piano Vanoni si propose di promuovere lo sviluppo economico scegliendo come “motore” l’industrializzazione, in particolare del Mezzogiorno, sostenuta da grandi investimenti, privati e pubblici, nella nuova industria leggera, nell’industria di base, nelle infrastrutture, e da […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Telestalking. La stretta contro le chiamate moleste è ferma

prev
Articolo Successivo

Il Tfr contro tutti Brilla per redditività rispetto a titoli di Stato, depositi bancari e fondi pensione

next