L’emergenza Covid ha bloccato le frontiere del mondo, ma non è riuscita a fermare i pedofili. In attesa che gli aerei riprendano ad atterrare nelle aree più disagiate del pianeta, specialmente l’Africa, dove i “turisti del sesso” vanno a caccia di minori usando come esche la solidarietà e il denaro, i pedofili si danno da […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

L’ultimo imbroglio di Stone: fare finta di andare in galera

prev
Articolo Successivo

Affare We Charity, Trudeau e i soldi a madre e fratello

next