Basta con i toni apocalittici, con lo spauracchio della sesta estinzione di massa, con la retorica dell’Amazzonia “polmone del mondo”. In realtà le emissioni calano nelle nazioni ricche, la produzione di cibo aumenta grazie a un’agricoltura industriale che porta prosperità. Parole di uno scettico o negazionista climatico? Non proprio. Perché l’autore di queste affermazioni è […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Prodi e B. rimangono comunque alternativi

prev
Articolo Successivo

Rai, quella legge che-non-c’è e che ci vorrebbe

next