Sarebbe troppo facile gridare “se non ora, quando?”, eppure mai momento sembra più opportuno. A metà giugno il ministro della Salute, Roberto Speranza, ha chiesto all’Istituto Superiore di Sanità se le linee guida assunte dieci anni fa sull’aborto farmacologico, la cosiddetta RU486, siano ancora valide. Troppo sdegno aveva creato la decisione della giunta umbra guidata […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese