Accompagnato da un ensemble di fiati trascinanti che agli americani non hanno da invidiare nulla in fatto di “big band”, Jannacci stasera è in stato di grazia, passa dal piano all’asta del microfono perfettamente a proprio agio, sempre incurante dell’intonazione, sembra che ogni volta canti una canzone diversa, invece il suo è un modo di […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Vita di un uomo gentile. Stan Laurel, detto “Staglio”

prev
Articolo Successivo

Clima & lockdown: basta un po’ di smart working per abbattere le emissioni?

next