Avere una banale utilità, oppure soprattutto personalità. Eccoli i veri poli opposti dell’auto a batterie. C’è tutto un fascino tecnologico da costruire attorno alla razionalità delle emissioni zero, ed è questo il primo lavoro di una elettrica che sia davvero di seconda generazione, anche se poi l’anagrafe della Mazda MX-30 è quella di un debutto […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Audi A3 Sportback, il nuovo look “curvy” contro i luoghi comuni

prev
Articolo Successivo

Il car sharing e il noleggio hanno perso oltre 3 miliardi

next