Un fascicolo aperto dall’Autorità nazionale anticorruzione (Anac), un ricorso al Tar e l’ombra della Corte dei conti. Non c’è solo l’inchiesta giudiziaria che ieri ha terremotato la municipalizzata del trasporto milanese. In questa storia il protagonista è il maxi-appalto del calore del Comune alla base delle nuove politiche energetiche. Una faccenda che rischia di creare […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Dopo il lockdown la corruzione riparte come prima

prev
Articolo Successivo

Al Senato si balla: addio maggioranza assoluta

next