Si è dimesso ieri, dopo un anno e mezzo di sofferto e infruttuoso mandato, il ministro sudcoreano dell’Unificazione, e al presidente Moon Jae-in non è rimasto che accettare le dimissioni del suo uomo di punta. La decisione di Kim Yeon-chul è maturata dopo che Pyongyang ha demolito l’ufficio di collegamento a Kaesong per aumentare le […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Strategia dem, una vice di colore alla Casa Bianca

prev
Articolo Successivo

Leosini non si tocca (le botte uccidono ogni tipo di amore)

next