In vista delle elezioni del Csm del luglio 2018 c’era un piano per mettere in un angolo Autonomia e Indipendenza, la corrente fondata da Piercamillo Davigo, Sebastiano Ardita, Alessandro Pepe e Marcello Maddalena. L’idea era quella di piazzare una candidatura di disturbo per far perdere le elezioni al procuratore aggiunto di Catania Ardita, per “fotterlo”. […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

“Zappo, imbianco e con Ranieri penso a un supergruppo”

prev
Articolo Successivo

Telefono Donna: “Nessuna deve rimanere sola”

next