Prendi un suv, che magari qualcuno storcerà il naso ma al mercato piace e non tradisce mai. Dagli linee filanti, un tetto rastremato e un profilo modaiolo da coupé. Poi aggiungi elettroni, quattro ruote motrici e ogni possibile diavoleria nell’infotainment e nella sicurezza, condendo il tutto con il sapore agrodolce del lusso. Dove l’agro è […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Dai Nobel a Belén: Novella2000, cent’anni di dive e letterati

prev
Articolo Successivo

Ignis, l’ibrido leggero: convince e non impegna

next