Sono arrivati da ogni parte di Israele. Con i bus, con auto private, moto e persino con i taxi, per rispondere all’appello per “la democrazia, contro l’annessione”. In quattro-cinquemila hanno marciato dal Museo dell’Arte alla piazza più iconica di tutto lo Stato di Israele, Rabin Square, nel cuore di Tel Aviv, dove nel 1995 venne […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese

Articolo Precedente

Aerei da guerra al Cairo, ma Roma fa finta di nulla

prev
Articolo Successivo

Quel conformismo nascosto dietro il muro della satira

next