Qualcuno aveva deposto una rosa sui resti calcificati. Il rosso risaltava sul bianco della calce e nell’intenso odore dolciastro emanato dai cadaveri che continuavano a fermentare anche dopo esser dissotterrati. Prefettura di Butare, una delle tante scuole – con sempre una chiesa accanto – in cima a una delle “mille colline” del Ruanda. Aprile 1994, […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

Formigoni accusa e non fa i conti con la sua sanità

prev
Articolo Successivo

Montecitorio riapre e si fa in tre: i deputati temono di finire in corridoio o in tribuna

next