Quello che ha più dubbi è il ministro della Salute, Roberto Speranza. Il report della Fondazione Gimbe, che denuncia l’incompletezza se non la manipolazione dei dati della Regione Lombardia, la più colpita, consiglia molta prudenza sul “liberi tutti” del 3 giugno. Perché i tamponi diagnostici, quelli alla ricerca del virus, sono circa la metà, quindi […]

Per continuare a leggere questo articolo
Abbonati a Il Fatto Quotidiano

Abbonati a soli 14,99€ / mese per il primo anno

Articolo Precedente

La Cattiveria

prev
Articolo Successivo

Fumata bianca: si riapre il 3 giugno (ma con riserva)

next